In evidenza

  • condividi
  • |
  • |

23 luglio 2019

Presentazione di tre nuovi autobus e dell’Opuscolo dei Cinquant’anni di Copit

Copit ha presentato questa mattina, 23 luglio 2019, a Pistoia presso il Deposito in via dell’Annona n. 98, tre nuovi autobus urbani consegnati nei giorni scorsi all’Azienda che già dalla prossima settimana saranno in servizio sulle linee della nostra città: si tratta di tre Mercedes-Benz di 7 metri.

Gli autobus presentati oggi sono i primi tre degli otto che andranno a sostituire i mezzi distrutti nell'incendio avvenuto durante la notte del 3 febbraio scorso al deposito di Lamporecchio. Altri cinque, questa volta extraurbani, sono previsti in arrivo a settembre.

I tre Mercedes-Benz Sprinter City a due porte presentati questa mattina, con motorizzazione Euro 6 a ridotto impatto ambientale, offrono ciascuno 24 posti (8 dei quali a sedere) ed un allestimento idoneo al trasporto di persone diversamente abili in carrozzina. I mezzi sono inoltre equipaggiati di un sistema di registrazione interno ed esterno che si attiva in caso di sinistro (come meglio illustrato nella scheda tecnica allegata) e dei dispositivi necessari per la localizzazione satellitare, che consentono di fornire all’utenza informazioni sul servizio in tempo reale, mediante l’app Teseo e le paline intelligenti, nonché dei dispositivi idonei per la vendita e la validazione dei titoli di viaggio elettronici.

Durante la presentazione sono intervenuti il Prefetto Emilia Zarrilli ed il Sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi, mentre Don Sebastien Nawej Mpoy, Parroco della Parrocchia di SS. Maria e Tecla alla Vergine, ha impartito la benedizione agli autobus.

L’evento, allestito in collaborazione con Vivai Reali, è proseguito con la presentazione in anteprima dell’opuscolo che l’azienda ha deciso di pubblicare per celebrare il proprio “cinquantesimo”, disponibile a breve presso le biglietterie e le sedi aziendali: un modo per raccontare la storia del trasporto pubblico su gomma nel territorio pistoiese ed onorare il legame fondamentale che la lega ai propri utenti. Da cinquant’anni infatti Copit collega persone e città, assicurando un servizio pubblico che nel tempo è divenuto anche “collante” sociale, aspetto fin troppo trascurato, sul quale però si fonda l’intero concetto di TPL: svolgere un servizio pubblico, di utilità sociale, significa infatti servire silenziosamente la comunità, trasportare le persone, ciascuna con la propria esistenza ed i propri sogni, ed anche questo merita spazio nelle cronache, al pari di ritardi e disservizi. L’intento di questa pubblicazione è dunque celebrare il trasporto pubblico come merita.